Quali sono i vantaggi e gli svantaggi del compostaggio?

Tra i vantaggi del compostaggio si possono ricordare: l’assenza di emissioni nocive nell’atmosfera; il recupero significativo, anche se parziale, dei rifiuti; la positiva influenza del compost sulla struttura del suolo; la distruzione di germi patogeni mediante processi chimici. Tra gli svantaggi si devono ricordare: la possibilità di danneggiare animali mediante l’assimilazione di sostanze nocive contenute nel compost; lo sviluppo dei cattivi odori; l’inquinamento dell’acqua che percola dai cumuli di rifiuti e deve essere depurata.

Quali sono i soggetti che devono iscriversi all’Albo nazionale di gestione rifiuti?

Le imprese che svolgono a titolo professionale attività di raccolta e trasporto di rifiuti e le imprese che raccolgono e trasportano rifiuti pericolosi, anche se da esse prodotti, nonché le imprese che intendono effettuare attività di bonifica dei siti, di bonifica dei beni contenenti amianto, di commercio ed intermediazione dei rifiuti, di gestione di impianti di smaltimento e di recupero di titolarità  di terzi, e di gestione di impianti mobili di smaltimento e di recupero di rifiuti, devono essere iscritte all’Albo. L’iscrizione deve essere rinnovata ogni cinque anni e sostituisce l’autorizzazione all’esercizio delle attività di raccolta, di trasporto, di commercio e di intermediazione dei rifiuti; per le altre attività l’iscrizione abilita alla gestione degli impianti il cui esercizio sia stato autorizzato.

Qual è l’obiettivo di un sistema di gestine ambientale?

L’obiettivo di un sistema di gestione ambientale è definire volontariamente dei traguardi per migliorare continuamente e prevenire gli effetti ambientali della propria azienda. Individuare gli effetti ambientali e valutare i principali punti di forza e di debolezza della propria impresa, dal punto di vista legislativo, tecnico e organizzativo; sono il primo e fondamentale passo per costruire un sistema efficace ed efficiente.

Perché si effettua la raccolta selettiva?

La raccolta selettiva si effettua al fine di razionalizzare lo smaltimento di particolari rifiuti (ad esempio le pile, i farmaci scaduti, contenitori etichettati tossici/infiammabili) e non orientata al riutilizzo, riciclaggio o recupero.

Che cosa sono le acque sotterranee?

Le acque sotterranee sono accumuli d’acqua contenuti nel sottosuolo permanenti la matrice rocciosa, posti al di sotto del livello di saturazione permanente: le falde freatiche e quelle profonde (in pressione e non) contenute in formazioni permeabili, i corpi d’acqua intrappolati entro formazioni permeabili con bassa o nulla velocità di flusso, le manifestazioni sorgentizie concentrate e diffuse (anche subacquee).

Che cosa sono i “reflui”?

Sono rifiuti liquidi. Tali rifiuti contengono sostanze organiche ed inorganiche sovente assai nocive le quali, se immesse senza alcun trattamento di depurazione nell’ambiente naturale, lo contaminano.

Che cosa significa il termine “gestione dei rifiuti”?

Il termine sta a significare tutte le operazioni che bisogna eseguire per “gestire” un rifiuto, ovvero  la raccolta, il trasporto, il recupero e lo smaltimento del rifiuto compreso il controllo di queste operazioni nonché il controllo delle discariche e degli impianti di smaltimento dopo la chiusura.

Sei in ASA srl > F.A.Q.

Contattaci

sede: tel. 071 7976209 impianto: tel. 071 7976369 e-mail: info@asambiente.it PEC: asambiente@pec.it Altri recapiti

Dal Glossario:

  • COMPOST

    Prodotto proveniente dai rifiuti solidi urbani o assimilabili, con l’eventuale aggiunta di fanghi di depurazione, sottoposti ad una fermentazione aerobica che ne modifica stabilmente le caratteristiche fisiche, chimiche e biologiche.

 

  • 41606Totale visitatori:
  • 1 gennaio 2017dal :
Sito aggiornato il: 29 novembre 2018
Inizio pagina

Asa s.r.l Azienda Servizi Ambientali | Via San Vincenzo, 18 60013 CORINALDO (AN) | Tel. 0039 071 7976209 | Fax 0039 071 7977417 | P.IVA 02151080427

Valid XHTML 1.0 Transitional